LA FENICE

Ho sempre pensato che l'aiuto di una guida (un mentore) fosse fondamentale nel percorso di vita di chiunque.

Qualcuno che ti racconta le sue storie, le sue esperienze per far si che tu possa trarne spunto per capire meglio il mondo che ti circonda.

Per aver una testimonianza di una visione del passato che ti dia maggior coscienza del presente.

Non so a voi, ma a me la consapevolezza del presente in alcuni momenti manca.

Quella strana sensazione che ti stai perdendo qualcosa.

"Troppo proiettati in avanti sulla meta, d'un tratto ci troviamo oltre al punto di mezzo, dove tutto vive, prende forma ed esiste…."

Non facciamo esperienza del nostro presente!

ALBI/ZALENGA WORKSHOP

Nei primi giorni di marzo, Fujifilm Italia ha partecipato come sponsor tecnico in un workshop molto interessante per il ritratto creativo.

Ho avuto il piacere di partecipare come supporto per l'attrezzatura fornita da Fujifilm Italia per l'evento.

Il workshop si è svolge in Puglia, in provincia di Lecce, nella splendida e suggestiva azienda agricola Tenuta Monacelli.

Durante i 4 giorni di allenamento si trattava principalmente di ritratto femminile.
I due speakers Alessio Albi e Laura Zalenga, non si sono risparmiati donando a tutti i partecipanti pensieri, esperienze e le malizie del loro lavoro.

In entrambe le situazioni, la natura è stata la protagonista principale.

Ciò che è stato molto interessante è che i fotografi si sono dedicati ad ogni singolo partecipante in modo esclusivo.

Alessio con l'aiuto di una modella ha costruito in ogni situazione un fil-rouge tra figura umana e sfondi come ulivi, cactus, boschi, frantoi sotterranei...

Laura ha parlato soprattutto di autoritratto che è il suo campo d'eccellenza.

La linea comune è stata quella di trovare una visione personale ed esclusiva all'interno delle proprie immagini.

Ecco alcune immagini del backstage scattate con il recente X100F.

TRAVEL EXPERIENCE | TROMSO - NORWAY

Erano molti anni che volevo andare in Norvegia e quando un mio carissimo amico ha organizzato il viaggio e mi ha invitato, ho colto la palla al balzo e sono partito!

Scopo principale era vivere l’esperienza dell’aurora boreale, ma facendo un pò di ricerca ho scoperto che la Norvegia offre molte altre attività per vivere a pieno il territorio, dai fiordi ai tour con slitta trainata dai cani fino alla possibilità di passare la notte in tende Sami, in attesa di poter vedere l’aurora.  

Ma facciamo un passo per volta!

Il viaggio è durato 3 giorni nella prima settimana dello scorso dicembre.

Il clima nell’area dei Fiordi, quindi la parte che si affaccia al mar di Norvegia, è caratterizzato da condizioni spesso mutevoli in pochi minuti, si passa dal cielo stellato e limpido ad una bufera di neve improvvisa, quindi non demoralizzarsi è fondamentale.

La pianificazione è sempre il cuore di un progetto di questo tipo e una guida/fixer in loco fa la differenza.

In queste situazioni arrivare preparati è fondamentale per riuscire a portare a casa qualcosa di buono, e per fortuna abbiamo trovato una guida italiana giovane ma molto esperta che ci ha aiutato ad ottimizzare i 3 giorni a disposizione.

Durante la preparazione pre-viaggio ho cercato di analizzare quali problemi avrei dovuto affrontare. 

Primo fra tutti sicuramente il grande freddo; un valido consiglio che mi è stato dato è quello di vestirsi a strati per poter gestire al meglio le varie situazioni, anche perché spesso non è possibile tornare in albergo a cambiarti.

Quindi l’abbigliamento è una cosa a cui fare grande attenzione…se hai freddo lavori male; mani e piedi saranno i più sensibili a questo aspetto e difficilmente ne sarete esonerati anche perché si passa molto tempo in piedi al freddoo e tante volte con i guanti imbottiti non si riescono a gestire i comandi della macchina fotografica.

L’altro aspetto è la scarsa luce e quando dico scarsa intendo praticamente buio, infatti in quel periodo tranne qualche ora tra le 9,30 e le 11 del mattino dove il sole non faceva comunque mai capolino (una sorta di alba/tramonto senza sole), la percezione generale era quella di notte inoltrata.

FUJIFILM X100F "IN ACTION”

X100F: Riccardo Spatolisano and photography / FUJIFILM

In occasione del prova sul campo della Fujifilm X100F da cui la recensione, ho avuto inoltre la possibilità di girare questo video che spero dia una ulteriore visione di come poter utilizzare questa macchina durante il lavoro quotidiano.

Buona visione! :)

 

Un particolare ringraziamento lo devo a Stefano Demarie e Giancarlo Zema per la realizzazione del video. 


FUJIFILM X100F Review

Il primo amore non si scorda mai...

Onorato di raccontarvi questo bellissimo gioiello nella gamma Fujifilm X-series!

FUJIFILM X100F

Esce a poco più di due anni dalla precedente versione “T” che ho posseduto per diverso tempo.

Quello che trovate di seguito sono le prime impressioni dopo un test di 2 mesi ca. nelle più svariate situazioni.

L'ho ricevuta nel primi giorni del mese di novembre dello scorso anno e purtroppo non ho potuto metterla alla prova durante un matrimonio ma al più presto non mancherò...

Se avete visto il mio video sulla versione “S” saprete che la utilizzo anche per la fotografia di matrimonio e la trova uno strumento davvero eccezionale in ogni situazione.

Dopo aver testato l'X-Pro2 l’anno scorso ho avuto la fortuna di essere invitato da Fujifilm Italiaper collaudare la pre-release della nuova macchina fotografica, la X100F.

Devo dire che in quest’ultima versione, ha superato ogni mia aspettativa.